11°C

Agrigento

Blog

User Rating: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive
Edizione 2018 dal 3 all'11 marzo. 73° Edizione della Festa del Mandorlo in Fiore, 63° Festival Internazionale del Folklore, 16° Festival Internazionale I Bambini del Mondo e 15° Corteo Storico d'Italia ad Agrigento.
 
La Festa del Mandorlo in Fiore è un grande festival che propone esibizioni dei gruppi folk per le vie cittadine, la fiaccolata serale del folklore, spettacoli di musica folk e tante degustazioni tipiche siciliane. La città di Agrigento e la meravigliosa Valle dei Templi fanno da cornice agli eventi insieme ai mandorli fioriti.
 
Gli appuntamenti più attesi
La manifestazione comincia con un bel giro, al tramonto, nella Valle dei Templi e prosegue con l’accensione della fiaccola dell’amicizia davanti al tempio della Concordia. L’avvenimento più importante della sagra si svolge durante la chiusura, quando i gruppi folkloristici sfilano con i carretti siciliani e le bande musicali dalla città alla Valle dei Templi.
 
La festa viene chiusa da un colorato spettacolo ai piedi del tempio della Concordia, davanti al tempio di Ercole, invece, si può assistere alla cerimonia di assegnazione del Tempio d’Oro, premio molto ambito e assegnato da una giuria internazionale ai miliori gruppi folclorisrici. 
 
Eventi collaterali
Ogni anno vengono organizzate tante iniziative collaterali, come ad esempio “miss primavera”, che premia la ragazza più bella tra i vari gruppi e il balcone fiorito più bello della Via Atenea, la via principale di Agrigento. Inoltre, recentemente sono stati assegnati nuovi premi, come quello di “Gian Campione” e “Casesa”, due pilastri del folklore agrigentino morti qualche anno fa.
 
Un altro trofeo, il “Criscenzo”, viene consegnato durante il Festival dei Bambini del Mondo. Nel periodo in cui si svolge la sagra, vengono realizzate anche delle mostre e delle degustazioni della mandorla con lo scopo di promuovere questo prodotto tipico siciliano.
 
La storia
La Sagra del Mandorlo in Fiore nasce nel 1934 a Naro da un'idea del Conte Alfonso Gaetani, lo scopo era quello di esaltare la primavera agrigentina fornendo una strumento per promuovere la commercializzazione di alcuni prodotti tipici siciliani.
 
Agrigento adottò molto volentieri questa festa che offriva la possibilità di esaltare le bellezze naturali e archeologiche della città. Ogni anno la valle, ricoperta da un meraviglioso manto fiorito di alberi di mandorli, è scenario di questa importante e unica manifestazione, che raccoglie la partecipazione di vari gruppi folcloristici provenienti da varie parti del mondo, che ci allieteranno danzando insieme sulle note delle loro melodie tradizionali.
 
Per maggiori informazioni e programma dettagliato: 
Comune di Agigento
Infoline: Tel. 0922.590111

User Rating: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive

La Strada degli Scrittori, da itinerario fisico che abbraccia i luoghi dei grandi autori, diventa promotrice di una grande realtà culturale: nasce la prima edizione del Festival della Strada degli Scrittori.  Letteratura, arte, musica, cinema, enogastronomia. Un programma di eventi che si dispiega dall’11 maggio al 7 luglio 2017 e che include tante iniziative: dalla mostra fotografica al convegno di studi, dalla cena letteraria all’intrattenimento musicale, spettacoli teatrali, presentazioni di libri e molto altro. Il Festival è promosso dal Distretto Turistico Valle dei templi e patrocinato della presidenza dell’Ars, con la collaborazione delle amministrazioni comunali coinvolte. La conferenza stampa di presentazione del Festival sarà mercoledì 17 maggio a  Palermo presso la sede dell’Assemblea regionale siciliana.

Un percorso narrativo, da osservare, ascoltare, gustare,  strutturato in sei tappe alla scoperta dei luoghi degli autori che li hanno vissuti. Ogni tappa è dedicata ad uno scrittore: si parla quindi di Luigi Pirandello ad Agrigento, di Pier Maria Rosso di San Secondo a Caltanissetta, di Andrea Camilleri a Porto Empedocle, di Antonio Russello a Favara, di Leonardo Sciascia a Racalmuto e di Giuseppe Tomasi di Lampedusa a Palma di Montechiaro.

Fiore all’occhiello del Festival è la prima edizione del Concorso letterario nazionale “Uno, nessuno e centomila” promosso dal MIUR con il Distretto turistico Valle dei Templi, la Fondazione teatro Luigi Pirandello  e la Strada degli Scrittori, che porterà ad Agrigento centinaia di ragazzi provenienti da tutta Italia e non solo.  Di pregio anche il 1° Master di Scrittura coordinato da Massimo Bray, già ministro dei Beni culturali, oggi direttore generale della Treccani. Il Festival avrà come momento centrale la settimana delle celebrazioni del 150° anniversario della nascita di Luigi Pirandello, che si concluderà con la visita del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, giorno 6 luglio alla Valle dei Templi e alla casa natale del drammaturgo. Il 7 luglio, per la prima volta ad Agrigento, si svolgerà la cerimonia del Premio Pirandello promosso dalla Fondazione Sicilia.

User Rating: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive

Graffiare è lasciare un segno su una superficie, tracciarne un solco, incidendo sulla materia. Da quando l’uomo abita la terra vi ha impresso le tracce del proprio passaggio, trasformando l’immenso ambiente naturale in luoghi ricchi di significati. Oggi il graffito racconta dell’uomo inurbato, ma sebbene sia mutato lo stile di vita e le esigenze che esso comporta, immutato è il desiderio di raccontarsi e raccontare: nella città il graffio assume la forma sia di racconto individuale sia di espressione di un’intera

User Rating: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive

"Presepi nel mondo". Si terrà il 7 dicembre, alle 19, vigilia dell'Immacolata, l'inaugurazione della mostra che raccoglie i presepi provenienti da diversi paesi del mondo della collezione di Domenico Gambino volontario Alm, da sempre impegnato nell’animazione missionaria, e una esposizione di opere della pittrice Gloria Vernengo che ha come tema la "Natività nel mondo”.